Sentieri geologici

Il geoturismo rende accessibile, trasmette e commercializza delle particolarità geologiche e paesaggistiche. Specialisti e dilettanti possono sperimentare e comprendere i fenomeni geologici direttamente sul terreno tramite i sentieri geologici, i geoparchi, le grotte turistiche, presso i geotopi o in occasione di eventi quali “Avventura Geologia”.

Via GeoAlpina: carta Les Diablerets
Via GeoAlpina: parte della regione Dent Blanche – Les Diablerets
© swisstopo

Anche i turisti e gli escursionisti dovrebbero essere sensibilizzati alla formazione del nostro paesaggio e ai segreti della Terra. Per questo motivo, in alcune zone selezionate nelle quali i processi geologici sono visibili e tangibili, sono realizzate delle carte escursionistiche e delle guide geologiche, nonché dei sentieri didattici dedicati alle scienze della Terra.

La “Piattaforma geoscienze” dell’Accademia svizzera di scienze naturali (SCNAT) ha compilato una lista dei sentieri geologici della Svizzera, che comprende pure informazioni complete su guide, link e molto altro. Una rappresentazione cartografica di questi sentieri sarà sviluppata in collaborazione con swisstopo.

Nell'ambito dell'Anno Internazionale del Pianeta Terra (IYPE) delle Nazioni Unite, nel 2007 è stato lanciato il progetto "Via GeoAlpina". Questo sentiero conduce l’escursionista attraverso i sei paesi alpini: Austria, Francia, Germania, Italia, Slovenia e Svizzera. Esso si snoda da Trieste a Monaco lungo tutta la catena alpina attraversando delle regioni di straordinaria bellezza naturale e dal ricco patrimonio storico e culturale. Lungo la “Via GeoAlpina”, sono trattati gli aspetti geologici, geomorfologici e idrologici, i pericoli naturali e l'uso della roccia. In Svizzera, il percorso si snoda attraverso tre aree: Dent Blanche – Les Diablerets, Meiringen – Adelboden e l’Arena tettonica di Sardona.

La Via GeoAlpina: piega rovesciata dei Dents de Morcles (VS)
La Via GeoAlpina nella regione Dent Blanche – Les Diablerets: piega rovesciata dei Dents de Morcles (VS).
© J. Masson


Sapere

Sentieri geologici della Svizzera