print preview

Iniziative politiche

La geologia ha anche una dimensione politica! Ad esempio, attualmente non esiste una legge federale che regola il sottosuolo geologico. Da diversi anni, comunque, la tematica è oggetto di vivaci discussioni sia nelle camere federali che negli organismi specializzati.

Regolamentazione del sottosuolo in Svizzera

In Svizzera, l'utilizzo del sottosuolo sarà uno dei principali temi di discussione in futuro. Come terza dimensione della pianificazione territoriale, il sottosuolo rappresenta una sfida sia per lo sviluppo di infrastrutture strategiche di stoccaggio e di trasporto, sia per garantire l'approvvigionamento del Paese di varie risorse geologiche indigene vitali (energia, acqua, materiali). Nella seconda revisione della legge sulla pianificazione del territorio devono essere stabiliti alcuni principi fondamentali per coordinare gli interessi talvolta divergenti delle diverse parti coinvolte: sfruttamento delle acque sotterranee, estrazione di materie prime minerali, energia geotermica, stoccaggio in profondità delle scorie radioattive e gallerie. È quindi imperativo acquisire una migliore comprensione del sottosuolo. Sono necessari strumenti moderni per consentire una pianificazione coerente a livello nazionale e cantonale.

Un elenco delle interpellazioni parlamentari presentate in relazione al tema del sottosuolo può essere consultato sul sito web del Parlamento svizzero. Diversi rapporti pubblicati in questo contesto dalle alte autorità federali meritano attenzione.  

  • L'uso del sottosuolo (2014). Il Consiglio federale ha adottato il rapporto «L'uso del sottosuolo» (disponibile solo in tedesco e in francese), in adempimento del postulato Riklin 11.3229 del 17 marzo 2011.
  • Fracking (2017). Il Consiglio federale ha adottato il rapporto «Fracking» (disponibile solo in tedesco e in francese), in adempimento del postulato Trede 13.3108 del 19 marzo 2013.
  • Dati geologici sul sottosuolo (2018). l Consiglio federale ha adottato il rapporto «Dati geologici sul sottosuolo» (disponibile solo in tedesco e in francese), in adempimento del postulato Vogler 16.4108, del 16 dicembre 2016.